font nero contrasto annulla effetti

Il Diplomato nell’indirizzo “Costruzioni, Ambiente e Territorio” ha competenze nel campo dei materiali in rapporto al loro impiego, alle modalità di lavorazione, all’impatto ambientale e nell’utilizzazione dei mezzi informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo. Possiede capacità grafiche e progettuali nel campo edilizio, nonchè quelle rivolte al rilievo topografico del territorio e al rilievo dei manufatti, allo svolgimento di operazioni catastali, alla stima di terreni e fabbricati. Organizza e conduce cantieri mobili, pianifica le misure opportune in materia di salvaguardia della salute e della sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro. Prevede nell’ambito dell’edilizia ecocompatibile le soluzioni opportune per il risparmio energetico, nel rispetto delle normative sulla tutela dell’ambiente, redige la valutazione di impatto ambientale. Gestisce la manutenzione e l’esercizio degli organismi edilizi. Conosce e utilizza strumenti di comunicazione efficaci per operare in contesti organizzati.

 

MateriaIIIIIIIVV
Religione/Attività alternative 1 1 1 1 1
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
Storia, Cittadinanza e Costituzione 2 2 2 2 2
Tecnologie informatiche 3 - - - -
Lingua inglese 3 3 3 3 3
Diritto ed economia 2 2 - - -
Matematica 4 4 3 3 3
Complementi di matematica - - 1 1 -
Scienze della terra e Biologia 2 2 - - -
Geografia generale ed economica 1 - - - -
Scienze integrate (Fisica) 3 3 - - -
Scienze integrate (Chimica) 3 3 - - -
Tecnologia e tecnica della rappresentazione grafica 3 3 - - -
Scienze e Tecnologia applicate - 3 - - -
Gestione del cantiere e Sicurezza dell'ambiente di lavoro (*) - - 2 2 2
Progettazione, Costruzione ed Impianti (*) - - 7 6 7
Geopedologia, Economia ed Estimo (*) - - 3 4 4
Topografia (*) - - 4 4 4
           
Totale settimanale 33 32 32 32 32

* Una parte del monte ore dell'area di indirizzo è dedicato ad attività didattica di laboratorio con la copresenza di insegnanti tecnico-pratici. Le classi 3a e 4a prevedono complessivamente 17 ore di laboratorio sui due anni; la classe 5a ne prevede 10.